Siamo giunti alla parte finale di questa serie di articoli ispirati da una domanda articolata che mi ha fatto un Pensionato Italiano, e, dopo lo sviluppo delle varie domande poste che ho risposto nelle parte 1, parte 2 e parte 3, sono giunto al finale:

Tu cosa mi consiglieresti? Grazie saluti

Come ho fatto per gli altri articoli faccio anche in questo la medesima premessa e, visto che la domanda era tutta rivolta ad una residenza in Mallorca sottolineo, anche in questo caso, non essendo io in Mallorca ma alle Isole Canarie, non posso esprimermi per il territorio delle Baleari, che, pur essendo regione Spagnola non hanno le stesse regole (alla fine) delle Isole Canarie e personalmente non conosco.

Devo però dire che, anche se dovessi parlare delle Isole Canarie, mai mi permetterei di dare un consiglio sul prendere o non prendere una decisione di tale portata. Il lasciare l’Italia per spostarsi a vivere in un qualsiasi altro posto al mondo è una cosa da valutare molto bene.

Il consiglio che mi sento di dare è quello di prendere informazioni un po’ sul tutto, sia a livello tasse, economico, sanità, clima, situazione immobiliare, etc. Ma soprattutto trascorrere un tempo prolungato nel luogo prima di porre delle basi stabili. 

Non bastano in effetti pochi giorni quasi da turista in un luogo per averlo capito profondamente.

Quando vi si trascorre poco tempo è molto facile che tutto sembri migliore ma in realtà è solo diverso dal quotidiano a cui siamo abituati e stanchi della routine, ci piace di più. 

L’esperienza mi dice che si comincia a capire veramente dove ci si trova solo dopo qualche mese di permanenza. 

Non vi fidate di quello che vi dicono altre persone, sia nel bene che nel male, ognuno ha la propria visione delle cose, ognuno ha i propri gusti ed esperienze.

Non peccate di presunzione … l’Italia non è il centro del mondo, ogni paese ha le sue tradizioni, gusti, modi di fare e di mangiare, e guai a levare queste cose ad un popolo in casa propria.

Non sono gli abitanti del posto che si devono adattare a voi ma un po’ di adattamento lo dovete fare voi a loro.

Quello che è giusto … è giusto!

L’aiuto quindi che vi posso (vi possiamo) dare può essere il trovarvi un appartamento o una location temporanea per il primo periodo, aiutare con i biglietti aerei, darvi indicazioni sulle isole e dove, in base a quello che mi spiegate, potrebbe essere l’ubicazione migliore.

Una volta qui posso offrirvi la mia consulenza ed i primi aiuti per l’ambientamento per esempio dove trovare l’auto a noleggio o darvi consigli per muoversi agevolmente, descrivervi le varie zone dell’isola, dove fare la spesa e tante piccole altre cose che fanno parte del quotidiano.

Insomma, per quanto riguarda le Canarie non siete soli.

Una bella cosa sarebbe che tutti i pensionati già all’estero dessero il loro contributo scrivendo le proprie esperienze e le difficoltà maggiori in maniera costruttiva. 

Bene, concludo questa serie di articoli e spero come sempre di aver dato un contributo positivo.

Saluti a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *